Luca Morselli psicologo psicoterapeuta Bologna
paura dell'altezza acrofobia vertigini

Acrofobia: paura dell’altezza e vertigini

L’acrofobia è una paura intensa e irrazionale delle altezze ed è la seconda fobia più diffusa dopo quella degli animali Questa paura specifica può limitare notevolmente la vita quotidiana di un individuo, limitando la sua capacità di godere di attività comuni come salire su un grattacielo, fare escursioni in montagna, o perfino volare. Spesso, l’acrofobia è associata alla sensazione di vertigini, un fenomeno che può intensificare ulteriormente la paura. La paura anticipatoria che caratterizza l’acrofobia distingue il disturbo dalla vertigine da altezza fisiologica.

Sintomi dell’acrofobia

I sintomi dell’acrofobia si manifestano di solito quando l’individuo si trova ad affrontare un’altezza significativa, che può essere effettiva o anche solo percepita. I sintomi possono variare in gravità da una persona all’altra, ma spesso includono palpitazioni, sudorazione, tremori, nausea, e una sensazione di vertigini o instabilità. Alcuni individui possono sperimentare attacchi di panico o un forte desiderio di scappare o evitare la situazione.

Cause della paura dell’altezza

Per quanto riguarda le cause dell’acrofobia, queste possono essere attribuite a una combinazione di fattori genetici, psicologici e ambientali. La ricerca ha dimostrato che non sono solo gli esseri umani ad avere questa naturale riluttanza verso l’altezza. Pertanto, sembra che una piccola quantità di acrofobia sia parzialmente radicata come meccanismo di sopravvivenza da un punto di vista evolutivo. Tuttavia, la maggior parte delle persone non sviluppa acrofobia. Pensare troppo e soffermarsi sulle possibili ripercussioni di una caduta dall’alto potrebbe contribuire allo sviluppo dell’acrofobia. Si ritiene inoltre che un’esperienza traumatica legata all’altezza, come una caduta, può innescare la paura. Allo stesso modo, l’essere testimone di un incidente legato all’altezza può anch’esso portare a sviluppare l’acrofobia. Infine, alcune ricerche suggeriscono che una predisposizione genetica alla paura dell’altezza potrebbe giocare un ruolo fondamentale nello sviluppo del disturbo. Questo non significa che la fobia sia ereditata, ma che la predisposizione a sviluppare la fobia può essere influenzata dai geni.

Come si cura l’acrofobia?

Terapia di esposizione: la terapia dell’esposizione è una forma comune di trattamento psicologico usata per trattare fobie specifiche. Le persone con fobie di solito evitano situazioni che coinvolgono la cosa di cui hanno paura. Per questo motivo, non sono in grado di apprendere che possono gestire la loro paura quando si presenta o che i loro esiti temuti spesso non si verificano. Lo psicologo utilizza la terapia di esposizione con le persone che hanno una fobia per incoraggiarle lentamente a entrare in situazioni che causano loro ansia e per cercare di rimanere in quella situazione in modo che possano imparare ad affrontarle. L’individuo sarebbe gradualmente esposto all’altezza in un ambiente sicuro e controllato, iniziando con l’immaginazione di una situazione temuta, per poi passare a vedere immagini di altezze, quindi a esperienze reali come salire su una scala o un grattacielo.

Terapia cognitivo comportamentale: è una forma di trattamento psicologico. Parlando e ponendo domande, lo psicologo aiuta ad acquisire una prospettiva diversa. Di conseguenza, impari a rispondere meglio e ad affrontare lo stress e l’ansia che provi quando sei esposto a cose che ti fanno paura.

Terapia dell’esposizione alla realtà virtuale (VR): la terapia dell’esposizione alla realtà virtuale è un tipo di trattamento psicologico che utilizza la tecnologia per mostrare alla persona situazioni realistiche, ma “non reali”, per aiutarla a far fronte a situazioni stressanti e che inducono ansia. Se soffri di acrofobia, potresti utilizzare un visore per realtà virtuale (VR) che ti mostrerà simulazioni di situazioni che coinvolgono l’altezza. In questo modo, puoi essere esposto ad altezze in un modo completamente sicuro. La ricerca ha dimostrato che la terapia dell’esposizione alla realtà virtuale è efficace nel trattamento dell’acrofobia.

Esempi di acrofobia

Un esempio di come l’acrofobia può limitare la vita di una persona è il rifiuto di accettare un lavoro perché l’ufficio si trova su un grattacielo. Oppure, potrebbe evitare di viaggiare in aereo, limitando così le sue possibilità di viaggio. Potrebbe anche evitare attività ricreative come l’escursionismo o l’arrampicata, perdendo opportunità di divertimento e di connessione con la natura e l’altro.

L’acrofobia, come tutte le fobie, non è una condizione semplice da risolvere. È essenziale cercare l’aiuto di un professionista qualificato per affrontare e gestire la paura. Con il supporto e le strategie terapeutiche adeguate, la paura delle altezze può essere gestita con successo, permettendo a chi ne soffre di vivere una vita più libera e appagante. Ricorda, la paura è un’emozione potente, ma non deve ostacolare la tua realizzazione e la tua vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *