Luca Morselli psicologo psicoterapeuta Bologna

Ipocondria: paura di ammalarsi e ansia da malattia

L’ipocondria, oggi conosciuta nel linguaggio medico come disturbo d’ansia da malattia, è una preoccupazione persistente e ossessiva per la propria salute. Le persone con questo disturbo sono spesso convinte di avere una malattia grave nonostante le assicurazioni mediche e i test che indicano il contrario. L’ipocondria va oltre una semplice preoccupazione per il benessere fisico; è una paura profonda e invalsa che può limitare la vita quotidiana e portare a un’eccessiva attenzione su ogni piccolo sintomo o sensazione fisica.

Sintomi dell’ipocondria

I sintomi dell’ipocondria sono spesso somatici, cioè legati al corpo. Ciò può includere una varietà di sintomi fisici come mal di testa, dolore al petto, nausea, o qualsiasi altro sintomo che la persona percepisce come indice di una malattia grave. Insieme a questi sintomi fisici, ci sono sintomi psicologici come l’ansia, l’ossessione per la salute, e la paura intensa di essere gravemente malati.

Cause dell’ipocondria

Le cause dell’ipocondria sono complesse e possono includere una combinazione di fattori biologici, psicologici e ambientali. Alcuni individui possono avere una predisposizione genetica all’ansia che può manifestarsi come ipocondria. Altri possono aver vissuto un’esperienza traumatica legata alla salute, come una malattia grave in passato, che ha innescato il disturbo.

Il trattamento dell’ipocondria si concentra principalmente sulla gestione dell’ansia e sulla modifica dei comportamenti e dei pensieri legati alla salute. La terapia cognitivo-comportamentale è uno dei metodi di trattamento più efficaci. Questa terapia aiuta la persona a identificare e modificare i pensieri e i comportamenti irrazionali riguardanti la propria salute.

Ad esempio, un individuo potrebbe essere guidato a sfidare i propri pensieri ipocondriaci, a riconoscere le distorsioni cognitive, e a sviluppare un modo più realistico e sano di interpretare i sintomi fisici. Questo può anche includere l’apprendimento di tecniche di rilassamento e di gestione dello stress per aiutare a controllare l’ansia.

Un esempio di come l’ipocondria può influenzare la vita quotidiana è l’eccessivo controllo della salute, come il costante monitoraggio dei segni vitali o la ricerca ossessiva di informazioni sulla salute su internet. Questo comportamento può portare a un’ansia ancora maggiore, a un ciclo di preoccupazioni per la salute e a un impatto negativo sulla qualità della vita.

In un mondo in cui la malattia sembra annidarsi dietro ogni angolo, l’ipocondria può sembrare una risposta logica. Ma è possibile trovare una via d’uscita da questo labirinto di preoccupazioni. Passo dopo passo, con un accompagnamento adeguato, è possibile allontanarsi dall’ombra della paura. È possibile apprendere nuove modalità di pensiero, sostituendo l’ansia con la razionalità, la paura con l’equilibrio. Non si tratta di negare l’importanza della salute, ma di comprendere che la costante preoccupazione non contribuisce al benessere, ma lo mina. Ricordare che la vita è un viaggio con tutte le sue incertezze può aiutare a ridimensionare la paura e a riportare la propria attenzione alla ricchezza dell’esperienza presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *