Luca Morselli psicologo psicoterapeuta Bologna

Perfezionismo: una medaglia con due facce

Il perfezionismo è un tratto di personalità che spinge l’individuo a raggiungere standard elevati in ogni aspetto della vita. Mentre la ricerca della perfezione può incoraggiare alcuni a eccellere, può anche portare a stress, ansia e insoddisfazione se si trasforma in una necessità incontrollata. La chiave sta nell’equilibrio: imparare a distinguere tra l’aspirazione a fare del proprio meglio e il tormento incessante del perfezionismo patologico.

Il perfezionismo può sfociare in rimuginio, un ciclo di pensieri negativi che si ripetono continuamente. Il perfezionista può rimuginare su un piccolo errore o una leggera imperfezione, magnificando l’importanza di tali difetti fino a quando non oscurano tutto il resto. Questo processo può alimentare ansia e depressione, minando l’autostima e l’autoefficacia.

Ma come si può interrompere il ciclo del rimuginio? Il primo passo consiste nel riconoscere i pensieri per quello che sono: prodotti della mente, non riflessioni della realtà. Accettare i propri pensieri senza giudicarli o cercare di eliminarli può contribuire a ridurre l’intensità del rimuginio. Le tecniche di detached mindfulness possono essere particolarmente utili in questo contesto.

La preoccupazione di commettere errori e gli alti standard personali sono altri sintomi comuni del perfezionismo. Preoccuparsi del futuro, del passato, o di eventi al di fuori del proprio controllo può creare un senso di impotenza e ansia.

L’ansia può portare all’evitamento, un tentativo di sfuggire alle situazioni o alle attività temute. Sebbene l’evitamento possa sembrare una strategia efficace nel breve termine, nel lungo periodo può limitare le opportunità di vita e rafforzare i pensieri ansiosi. La terapia cognitivo-comportamentale può aiutare a sfidare e a cambiare i pensieri e i comportamenti che alimentano l’evitamento.

La paura del giudizio è un tema comune tra le persone che tendono al perfezionismo. La preoccupazione di essere giudicati negativamente da altri può alimentare l’ansia e limitare l’autenticità e la libertà di espressione. Tuttavia, è importante ricordare che il giudizio degli altri non è un riflesso accurato del nostro valore. Ognuno di noi è un individuo unico e prezioso, e il nostro valore non dipende dalle opinioni altrui.

Il perfezionismo patologico spesso sottostà a varie problematiche psicologiche, come ansia sociale, ansia generalizzata, depressione, manifestazioni di rabbia e aggressività, disturbi del sonno, complesse dinamiche relazionali, ossessioni e compulsioni, oltre a comportamenti alimentari disfunzionali.

Questo aspetto può essere considerato una caratteristica intrinseca della personalità, assumendo un ruolo preminente in alcuni disturbi della personalità.

In particolare, nel disturbo ossessivo-compulsivo di personalità, emergono in modo marcato tratti perfezionistici, legati alla paura di commettere errori e al timore del giudizio negativo altrui. Anche individui affetti da altri disturbi di personalità, come ad esempio il disturbo narcisistico, possono manifestare livelli elevati di perfezionismo.

Infine, ricorda: non sei solo. Se ti trovi a lottare con il perfezionismo e i suoi effetti negativi, considera di cercare l’aiuto di un professionista della salute mentale. Uno psicologo può fornirti le strategie e il sostegno necessari per navigare attraverso queste sfide e per intraprendere il cammino verso il benessere.

Esempi di perfezionismo

  • Continuare a lavorare su un progetto oltre i tempi stabiliti, anche se è già di alta qualità, perché senti che potrebbe essere ancora migliore.
  • Non essere mai soddisfatto dei tuoi risultati, nonostante ricevi frequentemente complimenti e riconoscimenti per il tuo lavoro.
  • Rimandare o evitare di iniziare un progetto per la paura di non riuscire a farlo perfettamente.
  • Correggere continuamente gli altri, anche in situazioni non importanti, perché non riesci a sopportare gli errori.
  • Passare molto tempo a rileggere e riscrivere un’email o un messaggio, per paura di aver commesso errori o di non essere abbastanza preciso.
  • Sentirti molto ansioso o stressato se le cose non vanno esattamente come avevi pianificato.
  • Imporre a te stesso standard molto elevati, spesso irraggiungibili, e sentirti fallito se non riesci a raggiungerli.
  • Spendere molto tempo a organizzare e riorganizzare la tua scrivania o la tua casa, perché vuoi che tutto sia perfettamente in ordine.
  • Criticarti duramente per piccoli errori o imperfezioni, anche se sai che nessuno è perfetto.
  • Sentirti costantemente sotto pressione per essere il migliore in ogni cosa che fai, senza concederti mai un momento di pausa o di riposo.

Riepilogo delle cause di perfezionismo

Una delle cause più comuni del perfezionismo è attribuibile all’educazione e allo stile genitoriale. Alcuni genitori potrebbero avere aspettative eccessive e rigide per i propri figli, oppure potrebbero comunicare che il loro amore dipende dal successo e dalla perfezione. Questa pressione può portare i bambini a sviluppare una mentalità perfezionista nel tentativo di ottenere l’approvazione e l’amore dei genitori.

Anche la società e la cultura possono contribuire al perfezionismo. Viviamo in una società che premia il successo, la competenza e l’efficienza, e spesso siamo bombardati da messaggi che ci esortano a fare di più, a fare meglio e a cercare la perfezione. Questi messaggi possono incoraggiare le tendenze perfezioniste.

Infine, l’esperienza di eventi stressanti o traumatici può anche portare a un comportamento perfezionista. Ad esempio, le persone che hanno vissuto eventi traumatici possono cercare di controllare il loro ambiente attraverso il perfezionismo, nel tentativo di prevenire ulteriori traumi.

Queste sono solo alcune delle possibili cause del perfezionismo. Ogni individuo è unico, e le cause del perfezionismo possono variare notevolmente da persona a persona.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *