You are currently viewing Mindfulness e Sofferenza
Luca Morselli Psicologo Ansia

Mindfulness e Sofferenza

La sofferenza è una condizione normale nell’essere umano e, fortunatamente, la vita riserva anche molti momenti di gioia e lunghi periodi di serenità. Quello che possiamo fare per prolungarli, è creare il miglior rapporto possibile con il dolore quando si presenta.
Sviluppare la consapevolezza dei nostri pensieri, emozioni e sensazioni corporee, ci permette di riconoscere e prevenire i nostri modi abituali e automatici di reagire, imparando invece a rispondere consapevolmente a essi in modi più efficaci.


In particolare, la sofferenza viene alimentata dalla tendenza a reagire alle esperienze che viviamo, in uno dei seguenti tre modi:

  1. L’Attaccamento: è la tendenza a considerare alcuni elementi (persone, oggetti, situazioni) come irrinunciabili o “indispensabili” per la nostra vita. Questo può generare stati d’ansia, rabbia o tristezza per la paura di perdere o non ottenere qualcosa che consideriamo indispensabile.
  2. L’Avversione: è la tendenza a resistere, combattere, rifiutare, evitare in tutti i modi l’esperienza spiacevole; cercando spesso di cambiare o prevenire ciò che in realtà non può essere cambiato o prevenuto. Tutto questo determina un dispendio enorme di energie e può generare emozioni di rabbia, risentimento, colpa e stress continuo.
  3. L’illusione o distorsione: è la tendenza a perdere il contatto con la realtà o a distorcerla e alterarla in vari modi, vedendo (o temendo) ciò che non c’è o non vedendo ciò che c’è. Quando non siamo più nel momento presente possiamo essere catturati da ricordi del passato o da preoccupazioni per il futuro che non ci fanno più vedere le cose in modo obbiettivo e realistico.

Per aiutarci a reagire in modo più funzionale a questi stati, ci vengono in aiuto tecniche di consapevolezza come la Mindfulness; questa pratica permette il riconoscimento del momento in cui una o più di queste tre tendenze si attiva e agisce nella nostra mente, in modo da riconoscerla il prima possibile e prevederla.
Le pratiche di mindfulness sono particolarmente efficaci nel prevenire o depotenziare le tre tendenze sopra descritte e ci permettono di imparare a rispondere efficacemente, piuttosto che reagire in modi automatici, all’esperienza disagevole.

Lascia un commento